Trapelano nuovi dettagli sul primo SUV elettrico della casa dell’Elica: BWM iX3. A rivelarli le parole di Harald Krüger, amministratore delegato del gruppo Bmw, intervento in occasione dell’annuncio del piano di espansione della join-venture BBA. “L’accordo odierno rappresenta un nuovo capitolo della storia di successo di BMW Brilliance Automotive. L’intesa apre la strada a una lunga presenza del nostro brand in Cina, fatta di massicci continui investimenti, una costante crescita e un solare impegno nella produzione di vetture elettriche in questo Paese. Ma supereremo il motto ‘fatto in Cina, per la Cina’: la nostra intenzione è di portare sui mercati di tutto il mondo le elettriche che saranno prodotte nel paese asiatico”. iX3 sarà dunque assemblata nello stabilimento di Shenyang, ma verrà esportata in tutti gli altri mercati.

L’obiettivo di BMW è di raggiungere entro il 2025 un importante traguardo: almeno un quarto della propria gamma di veicoli sarà 100% elettrico o ibrido. Per raggiungere questo risultato uno dei nodi più importanti da sciogliere è/sarà quello delle batterie. E BMW non si è fatta attendere. Il colosso di Monaco di Baviera ha infatti siglato un faraonico contratto con il produttore di batterie CATL. A quanto pare il valore del contratto stesso sfiora i 4.7 miliardi di dollari ed è già stata pianificata la costruzione di nuove fabbriche che porteranno la capacità produttiva di CATL da 17.5 GWh ad oltre 24 GWh.

AccellerazioneAutonomiaIn commercioPrezzo
n.d.400km2020n.d.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome